Tossa del mar…

Tossa de mar da sempre desta un grande interesse archeologico, la presenza di uomo è stata individuata fin dal periodo di Paleolitical. I Romani si stabilirono nella regione per un periodo considerevolemnte lungo.Un particolare interesse desta il mosaico della Sala di Villa dei romani (fine del 4thh secolo, inizio D.C. dei 5). L’immensa ricchezza di resti archeologici che sono stati ritrovati in questa zona è esibita nella sezione archeologica del Museo Municipale.
Il Museo vide la sua apertura al pubblico il 1 settembre 1935.Fù istituito nella casa del governatore antico, il più importante edificio in cemento della Vila Vella. La casa medievale in origine fu ricostruita durante il secolo di XVIIIth, e restaurata recentemente
Fin dalla fine del 19 secolo,le bellezze paesaggistiche di Tossa con i suoi stupendi panorami ha attirato l’interesse e l’ispirazione di molti pittori. Insieme con Olot, Cadaqués e Sitges, Tossa divenne una delle zone più suggestive per molti artisti. Noi possiamo menzionare pittori come Mir, Gimeno, Roig i Soler, Barrau, Vilallonga, Colom, Masriera, Brull, Galwey, Canali, Espinal e Badrineas fra altri. La maggior parte di loro vissero per lunghi periodi di a Tossa.
Il Museo contiene pezzi di storia catalana raffigurazioni arte locale menzionata tra i vari artisti. Il Museo possiede anche un’importante raccolta di arte moderna, con lavori di artisti nazionali ed artisti internazionali che frequentarono Tossa durante gli anni trenta ed anche lavori anteriori ad essi.IL Violinista Blu, di Marc Chagall è uno dei più importanti lavori di questa sezione.
Tossa gode de tipico clima mediterraneo. Tossa essenzialmente è una località turistica e possiede infrastrutture hotels moderni adatti a soddisfare perfettamente le esigenze dei suoi visitatori. Se si passeggia per le vie della città si possono trovare tutti i generi di negozi specializzati, pronti a vendere qualsiasi varietà di merce per esaudire qualsiasi esigenza.

Tossa del mar…ultima modifica: 2004-08-04T17:32:12+02:00da paroleinviaggio
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento